Chi è Marco Sentieri: Biografia, Età, Moglie e Sanremo Nuove Proposte

Marco Sentieri, all’anagrafe Pasquale Mennillo, è un noto cantante italiano di 34 anni che quest’anno è stato in gara a Sanremo 2020 tra le nuove proposte.

Chi è Marco Sentieri?

  • Nome: Pasquale Mennillo 
  • Età: 34 anni
  • Segno zodiacale:  Gemelli 
  • Data di nascita: 11 giugno 1985
  • Professione: non disponibile
  • Luogo di nascita: Napoli
  • Altezza: non disponibile
  • Peso: non disponibile
  • Tatuaggi: non disponibile
  • Profilo Instagram ufficiale: @marco_sentieri_
  • Seguici sul nostro profilo Instagram ufficiale: @chiecosa.it

Biografia

Marco Sentieri, nome d’arte del cantante Pasquale Mennillo, nasce a Napoli, l’11 Giugno 1985. Da giovanissimo, all’età di soli 16 anni, si trasferisce a Roma per inseguire il suo sogno di diventare cantante. Qui fonda la band “Quarto senso” ma dopo due anni si dedica alla carriera da solista. Decide poi di trasferirsi in Romania e qui entra a XFactor ma riesce ad arrivare solo ai BootCamp. Dopo questa esperienza ritorna in Italia.

Marco Sentieri Instagram

Lavoro e Carriera

Marco Sentieri è un cantante italiano che da anni lavora nelle aperture dei concerti di cantanti più conosciuti, Clementino, Gemelli Diversi, Rocco Hunt, Moreno , Neri per Caso, Gianni Nazzaro, Tony Tammaro, Mario Trevi. Nel 2015 sceglie di farsi accompagnare da altri musicisti in giri per i palchi d’Italia (la band si chiama I due quarti). Dopo l’esperienza con la band, decide di trasferirsi in Romania, dove porta a segno due importanti punti: vince infatti ben due festival internazionali a distanza di poco tempo: “George Grigoriu” del maggio 2016 e “Dan Spataru” sempre del 2016. In Romania passa anche le selezioni del programma X Factor, arrivando ai BootCamp. In Italia, invece, continua con i suoi live principalmente in occasione di feste patronali, locali, lounge bar e cerimonie private.

Sanremo 2020

Tornato in Italia, Marco Sentieri ha partecipato a Sanremo 2020, nella sezione Nuove Proposte. Il suo pezzo, intitolato “Billy Blue”, è dedicato al bullismo – che ha subito anche da giovane – ed è stato scritto da Gianpiero Artegiani. Gli altri sfidanti della sezione nuove proposte erano  Leo Gassman, Tecla, Fasma, Matteo Faustini.

Testo Billy Blue

E’ stato Billy, già
proprio Billy
non è incredibile?
E’ stato Billy Blu
Billy Blu, Billy Blu
dico sul serio

Magro come un chiodo
occhiali spessi un dito
sopra occhiaie da malato
di un bluastro scolorito
fragile dimesso timido educato
era il più bravo della classe
perciò l’hai sempre odiato
con lui facevi il bullo
perchè tu nato nell’oro
gli scaricavi addosso
l’invidia del somaro

E lo chiamavi Billy Blu
pupazzetto animale
e gli sputavi tra i quaderni
lo spingevi per le scale
lui cadeva e tu ridevi
come ride un deficiente
si rialzava e sorrideva
ma non diceva niente
perchè lui era più forte
dei tuoi muscoli di cera
e tutta la sua forza l’hai scoperta l’altra sera
sì perchè

E’ stato Billy Blu
Billy Blu, Billy Blu
Billy Blu, ma

Ma la vita è un giustiziere
tutti i bulli adolescenti
poi diventano quegli uomini
dai mille fallimenti
e tu fallito e solo
appena uscito da galera
volevi liberarti da te stesso l’altra sera
e hai bevuto e hai camminato fino all’alba
lungo il fiume senza ne meta ne pace
poi sei salito su quel ponte
un bel segno della croce
ma dietro le tue spalle hai sentito la sua voce

“hey, ti ricordi di me”
così ti sei voltato
la luce della luna illuminava uno magro
ma l’hai riconosciuto solo quando ti ha sorriso
e ti ha detto “ti aiuto”

Ed era Billy Blu, Billy Blu, Billy Blu
“e dai abbracciami”

E così è stato Billy a salvarti la pelle
quel ragazzo magro magro
che ti stava sulle palle
no ma quale odio
non ho nessun rancore
eri tu quello più debole
tu dentro stavi male
perciò venivi a scuola e scaricavi sul mio banco
veleno e prepotenza da mostrare a tutto il branco
ma adesso l’hai capito
lo vedo dal tuo viso
la forza del più forte
è rinchiusa in un sorriso

“ti ricordi di me”
io sono solo uno
dei tanti Billy Blu
quelle vittime di un bullo
che ogni giorno li tormenta
ma bulli non si nasce, no
lo si diventa
quando hai una famiglia distratta e disattenta

E allora come hai pianto,
hai pianto e hai chiesto scusa
poi siete andati al mare
due birre e una gazosa
e finalmente hai vomitato
i fantasmi dell’infanzia
tuo padre che non c’era
tua madre piena d’ansia
che ti dava sempre ragione
anche quando avevi torto
tutti i tuoi casini
sono il frutto di quell’orto
non hanno mai capito che per non farti del male
servivano carezze si, ma all’occasione
due schiaffi d’amore

Vita Privata

Marco Sentieri ha una relazione da diversi anni, è sposato e ha due figli: la prima di 5 anni e si chiama Gaia, il più piccolo, che si chiama Umberto, ha soli 6 mesi. La moglie ha un lavoro molto impegnativo e lui si occupa dei figli a 360°, ed è per questo motivo che ama definirsi un mammo.

Video di Marco Sentieri

Curiosità

  • Da piccolo i suoi compagni lo prendevano di mira perché indossava gli occhiali
  • Ha realizzato un mini documentario per le strade di Sanremo, “Sentieri a Sanremo
  • La sua canzone preferita che ha partecipato in passato a Sanremo è “Perdere l’amore”
  • Ama gli accessori
  • Non è scaramantico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DISCLAIMER Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Testi o immagini inseriti in questo blog possono essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, inviate via mail una richiesta di rimozione.

Cambia Impostazioni Privacy - Privacy Policy - P.IVA 02204400440